I principali problemi nella progettazione e costruzione di una discarica controllata sono le opere che minimizzano e controllano l'impatto ambientale ovvero le alterazioni che essa induce sulle componenti ambientali.



Ecoserdiana ha impermeabilizzato il fondo e le pareti di ogni discarica con presidi naturali (argilla compattata di spessore minimo 1 m e bassissima permeabilità) e artificiali (geomembrana in HDPE di spessore 2 – 2,5 mm e materassino bentonitico ad alta capacità impermeabilizzante). Ha inoltre realizzato un sistema di controllo geoelettrico dell’integrità del rivestimento impermeabile, che si basa sulla considerazione che i rifiuti stoccati in discariche controllate si trovano ad essere elettricamente isolati dall'ambiente esterno alla discarica grazie alla elevatissima resistività elettrica del materiale sintetico delle geomembrane. Per esempio, il polietilene ad alta densità (HDPE) con spessore di 2 mm, è caratterizzato da una resistività elettrica dell'ordine di 10-13 - 10-16 ohm/m.



Mediante la posa di una serie di elettrodi all'esterno e all'interno della discarica (al di sotto delle geomembrana), l'applicazione di una tensione elettrica e la lettura del relativo potenziale elettrico, è possibile verificare la continuità dell'isolamento imposto dalla geomembrana, e quindi la sua completa impermeabilizzazione idraulica.




Salva

Salva

Salva